Pagine Esteri

Pagine Esteri Newsletter

Ogni settimana notizie su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo
Non inviamo spam!
Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.
USA: l’indagine sul proiettile che ha ucciso Shireen Abu Akleh è inconcludente

USA: l’indagine sul proiettile che ha ucciso Shireen Abu Akleh è inconcludente

di Eliana Riva -  Pagine Esteri, 4 luglio 2022 - Tra poco più di una settimana il presidente degli Stati Uniti d'America, Joe Biden, sarà in visita in Israele. Solo 2 giorni fa l'Autorità Nazionale Palestinese ha comunicato di aver consegnato a esperti statunitensi il proiettile che ha ucciso Shireen Abu Akleh. La giornalista di Al Jazeera stava seguendo, insieme ai suoi colleghi, un'incursione delle forze speciali dell'esercito israeliano a Jenin. È stata colpita alla testa. Il giornalista Ali Sammoudi è rimasto ferito. Dopo l'omicidio le autorità israeliane hanno affermato con certezza che Shireen Abu Akleh fosse stata colpita dal fuoco palestinese. Le dichiarazioni dei suoi colleghi e quelle dell'Autorità Nazionale Palestinese indicavano, invece, i soldati israeliani quali responsabili. Appena 10 giorni fa l'Alto Commissariato Delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR) ha terminato l'indagine indipendente sulla morte della giornalista. Le conclusioni non lasciano spazio a...

leggi tutto

IN EVIDENZA

In Evidenza

Italia nello Stretto di Hormuz in funzione anti-Iran

Italia nello Stretto di Hormuz in funzione anti-Iran

In pole position tra i paesi in gara per più gas e più petrolio dalla regione del Golfo c’è proprio l’Italia di Mario Draghi, Lorenzo Guerini e Luigi Di Maio, per nome e per conto dell’holding a capitale statale ENI. E il rischio di uno scontro militare diretto con l’Iran si fa più alto