Pagine Esteri

Pagine Esteri Newsletter
ogni settimana notizie su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

REPORTAGE. Neghev. 200mila beduini lottano per il riconoscimento dei loro villaggi

REPORTAGE. Neghev. 200mila beduini lottano per il riconoscimento dei loro villaggi

di Michele Giorgio Pagine Esteri, 16 ottobre 2021 - Pelle scura e bruciata dal sole, volto rugoso, Attiya Al Hassan ci aspetta su una piccola altura. Ci stringe la mano, quindi disegna con un dito una curva immaginaria mentre osserva l’area di Khashe Zanna. «Quello è il mio villaggio» ci dice proteggendosi con una mano gli occhi dalla forte luce del sole. «Intorno nel giro di pochi chilometri – prosegue – ci sono alcuni dei 35 villaggi e insediamenti beduini che Israele non riconosce. Alcuni di quei villaggi sono lì da prima che fosse creato questo paese, eppure per lo Stato non esistono e non hanno diritto a servizi essenziali come l’acqua potabile e la corrente elettrica». Con alle spalle una vista mozzafiato, Al Hassan si accovaccia e ci invita a fare altrettanto. «Un tempo, prima del 1948 – racconta guardando verso Beersheva, la «capitale del deserto» – i beduini erano 110mila sparsi per i 12 milioni di dunum (1.200 chilometri quadrati, ndr) qui nel Naqab (il Neghev in arabo,...

leggi tutto

IN EVIDENZA

In Evidenza

NUCLEARE. Bombardieri strategici USA in Africa e nel Mediterraneo “allargato”

NUCLEARE. Bombardieri strategici USA in Africa e nel Mediterraneo “allargato”

di Antonio Mazzeo* Pagine Esteri, 16 ottobre 2021 - Non bastano più evidentemente le unità da guerre di mezzo mondo per presidiare le acque del Golfo di Guinea, una delle aree geostrategiche ed economiche più rilevanti del continente africano. Il 9 giugno, infatti, per la prima volta nella storia, gli Stati Uniti d’America hanno deciso di fare esercitare sui cieli dell’Africa occidentale un bombardiere B-52H “Stratofortress”, la fortezza volante che ha preso parte a tutti i maggiori conflitti degli ultimi sessant’anni. Il velivolo dell’US Air Force (48,5 metri di lunghezza, un’apertura alare di 56,4 metri e un peso massimo al decollo sino a 200 tonnellate) dopo essere partito dalla base aerea spagnola di Morón de la Frontera ha sorvolato prima il nord Africa e poi si è diretto verso il Golfo di Guinea per rientrare a fine missione in Spagna. “Il volo su alcune regioni dell’Africa...