di Pasquale Porciello*

Pagine Esteri, 4 agosto 2021 – Un anno dopo l’esplosione al porto di Beirut che ha causato 214 morti, 6500 feriti e 300.000 sfollati, il Libano vive una gravissima crisi. I familiari delle vittime hanno istituito un comitato che si riunisce il 4 di ogni mese davanti alla sede del tribunale, per chiedere verità e giustizia.



 

Pasquale Porciello, analista politico, giornalista e docente. Vive in Libano da diversi anni dove si occupa di problematiche sociali e politiche legate all’attualità. In Italia scrive per Il Manifesto.

 

 

 

 

Pagine Esteri Newsletter

Ogni settimana notizie su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.