di Ben Aris – Intellinews.com*

(traduzione dall’inglese a cura della redazione)



foto Synergos Institute – Creative Commons

Pagine Esteri, 13 giugno 2022 – La Russia si prepara per il secondo vertice Russia-Africa, previsto per ottobre-novembre 2022 ad Addis Abeba, in Etiopia, accelerando la sua campagna di avvicinamento ai Paesi africani e allontanamento dall’Occidente che ha emanato sanzioni estreme nei confronti di Mosca dopo l’inizio della guerra in Ucraina.

La Russia ha già investito in modo ingente in Africa come parte della politica di Vladimir Putin di promuovere i legami con le nazioni non allineate del mondo e in via di sviluppo da quando le relazioni con l’Occidente si sono inasprite dopo l’annessione della Crimea alla Federazione russa nel 2014. La necessità di sviluppare profondi legami commerciali e di investimento in Africa è diventata urgente da quando l’Occidente quest’anno ha interrotto quasi tutti i legami commerciali con la Russia.

Migliori relazioni con l’Africa sono importanti per Mosca dal punto di vista commerciale poiché la Russia inizia a cercare nuovi clienti per acquistare energia, grano e altre materie prime. C’è anche un’importante dimensione politica. Putin cerca anche di minare l’egemonia statunitense e di ottenere il riconoscimento internazionale del suo regime. Con una cornucopia di materie prime e tecnologia in alcuni settori come l’energia nucleare in offerta, molti paesi africani sono partner disponibili.

I dettagli del vertice saranno decisi nei colloqui tra l’Unione africana, ha affermato la presidente del Consiglio della Federazione russa Valentina Matviyenko in un incontro con la presidente dell’Assemblea del Mozambico, Esperanca Bias, durante una visita ufficiale a Maputo dal 30 maggio al 1 giugno.

“Stiamo già preparando il prossimo vertice. Le sue date saranno determinate insieme all’Unione africana”, ha detto Matviyenko ai rapporti di Tass, aggiungendo che la Russia vede il Mozambico come un partner “affidabile e collaudato” in Africa. “La Russia ha sempre fornito assistenza al Mozambico e continua a farlo. Siamo lieti di vedere il vostro successo nello sviluppo economico e sociale. Prendiamo atto con soddisfazione del costante sviluppo del dialogo politico”, ha aggiunto Matviyenko.

Il Cremlino ha profondi legami commerciali con il Mozambico, ma le relazioni commerciali non sempre procedono senza intoppi. La banca russa VTB è stata un partecipante chiave nella raccolta di due miliardi di dollari per un progetto che avrebbe dovuto cominciare a trasformare l’economia del Mozambico ma il progetto è fallito ed è diventato oggetto di una battaglia legale che ha macchiato la reputazione del paese.

L’importanza del summit

Il vertice Russia-Africa è stato un’importante piattaforma per promuovere gli interessi russi nel continente e i leader di 48 dei 54 paesi africani hanno partecipato al primo vertice tenutosi nella località turistica russa di Sochi nell’ottobre 2019. È stato co-presieduto dai presidenti di Russia ed Egitto, Vladimir Putin e Abdul Fattah al-Sisi. L’Egitto in particolare è un partner russo chiave in Nord Africa, che, tra le altre cose, importa l’80% del suo grano dalla Russia e dall’Ucraina.

L’evento doveva tenersi ogni anno, ma è stato ritardato a seguito dello scoppio della pandemia di coronavirus nel 2020. Il vertice di quest’anno sarà ancora più importante poiché la Russia cercherà nuovi mercati e amplierà quelli esistenti. Da parte sua, l’Africa è desiderosa di mantenere le relazioni, poiché molti paesi del continente dipendono dalle importazioni di grano russo.

Il capo dell’UA, il presidente senegalese Macky Sall, ha incontrato Putin a Sochi il 3 giugno nel tentativo di compensare un’imminente crisi alimentare dovuta alla guerra in Ucraina e garantire l’importazione di grano per i suoi membri. Sall ha anche evidenziato che la decisione di espellere le banche russe dal sistema di messaggistica finanziaria SWIFT potrebbe danneggiare le forniture alimentari al continente, ha riferito RFI.

Le nazioni africane sono state sostenitrici della Russia dall’inizio del conflitto in Ucraina. In un voto delle Nazioni Unite per condannare l’invasione russa, circa la metà dei paesi africani ha scelto di astenersi dal condannare la Russia, cercando da un lato di mantenere buone relazioni con l’Occidente e dall’altro di segnalare a Putin che vedono ancora la Russia come un partner importante. Le votazioni delle Nazioni Unite sulla guerra in Ucraina dipingono un quadro molto chiaro di quali paesi africani sostengono la Russia.

Il viaggio di Matviyenko in Mozambico è parte della preparazione del terreno per il vertice di quest’anno. Bias ha affermato che la visita di Matviyenko ha mostrato che “la Russia è sempre con il Mozambico e il Mozambico è sempre con la Russia. Le nostre relazioni risalgono al periodo in cui il Mozambico combatteva per l’indipendenza. Anche dopo aver ottenuto l’indipendenza, la Russia è sempre stata al nostro fianco. Queste relazioni sono evidenti in diverse aree”, ha sottolineato la presidente dell’assemblea del Mozambico.

È stato istituito un consiglio di coordinamento sotto l’egida del Segretariato del Forum di partenariato Russia-Africa (RAPF). Secondo Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, “Proposte concrete per il consolidamento della cooperazione russo-africana sono in fase di elaborazione da parte di tre consigli (di coordinamento, pubblici e scientifici) che riferiscono al Segretariato del Forum di partenariato. Rappresentano ministeri, agenzie, imprese e organizzazioni pubbliche impegnate nello sviluppo di relazioni con il continente africano”. Mosca è pronta a costruire relazioni di partnership strategica con organizzazioni panafricane e associazioni di integrazione regionale, ha aggiunto Lavrov. Il ministro ha affermato che i due obiettivi più importanti del vertice saranno firmare un “memorandum d’intesa tra il governo della Federazione Russa e l’Unione Africana sui principi di base delle relazioni e della cooperazione” e un “memorandum d’intesa tra la Commissione economica eurasiatica e l’Unione africana sulla cooperazione economica”.

La Commissione economica eurasiatica è l’organo esecutivo dell’Unione economica eurasiatica (EEU), la risposta della Russia all’Unione europea. È un club commerciale che unisce cinque ex stati sovietici, con molti altri nella regione che hanno ottenuto lo status di osservatore. La Russia spera di estendere la portata dell’EEU fino all’Africa coordinandosi più strettamente con l’UA. Al prossimo vertice sarà finalizzata una tabella di marcia per questa cooperazione in cooperazione con la Comunità di sviluppo dell’Africa australe (SADS), ha affermato Lavrov.

I progressi nella creazione di una zona di libero scambio nord-sud tra l’UEE e l’UA hanno già compiuto il primo passo concreto in avanti dopo l’entrata in vigore dell’Accordo di libero scambio continentale africano (AfCFTA) il 1° gennaio di quest’anno.

L’AfCFTA riduce a zero il 95% di tutte le precedenti tariffe intra-africane imposte al commercio transfrontaliero. Solo l’Eritrea non ha ancora firmato l’accordo. Con l’eliminazione di quella precedente spesa tariffaria, l’approvvigionamento dei prodotti africani può ora avvenire su base continentale, espandendo così esponenzialmente il potenziale per lo sviluppo della catena di approvvigionamento africana.

Il regime di libero scambio in Africa consentirà inoltre alle zone economiche speciali (SEZ) di importare macchinari e parti per realizzare prodotti africani come i macchinari. Questi possono essere venduti sul mercato regionale (quando i dazi all’importazione sui pezzi diventano dovuti) o riesportati in mercati come la Russia (esente da dazi).

Con quasi tutte le esportazioni di macchinari ad alta tecnologia verso la Russia ora vietate, l’utilizzo dell’Africa come base di produzione, che è libera di importare macchinari dall’Europa, potrebbe diventare un modo per Mosca di evitare sanzioni e acquistare attrezzature di cui ha più bisogno e che non può più rifornirsi in Europa. Ad esempio, il settore automobilistico russo è quasi completamente crollato nei primi mesi di guerra, poiché rimane fortemente dipendente dalle importazioni di parti che non è in grado di produrre da solo. La Russia ha già iniziato a sviluppare tali ZES in Africa, in particolare a Port Said in Egitto, ma anche in Mozambico e Namibia.

L’importanza del prossimo vertice è stata rafforzata dal boom del commercio tra Russia e Africa, che quest’anno è cresciuto vertiginosamente.

Il presidente di Afreximbank Benedict Oramah ha affermato in una recente intervista a Tass che il commercio tra i paesi africani e la Russia ha visto notevoli progressi. “Solo sei anni fa c’erano esportazioni per circa 8 miliardi di dollari dalla Russia e importazioni in Russia dall’Africa per 2 miliardi di dollari o meno. Oggi abbiamo esportazioni russe in Africa per un valore di 14 miliardi di dollari all’anno e importazioni di prodotti africani di circa 5 miliardi di dollari. Ciò significa che il commercio bilaterale è di circa 20 miliardi di dollari”. Ciò rappresenta un raddoppio del commercio russo-africano dal 2015, o un tasso di crescita medio annuo del 15%”.

Il Nord Africa attualmente domina il commercio russo, guidato da Egitto (4,53 miliardi di dollari), Algeria (3 miliardi) e Marocco (1,2 miliardi), con il Sud Africa quarto con un miliardo di dollari, secondo dati dell’agenzia Tass. Inoltre, in quasi tutti i paesi africani il commercio e gli investimenti russi sono in aumento.

La Russia è in procinto di creare un portale commerciale di e-commerce da 5 miliardi di dollari con i paesi africani, guarda alla Nigeria come a un mercato in forte crescita e ha una base navale a Port Sudan.

L’UEE firmerà un accordo commerciale agricolo con l’UA e l’Egitto dovrebbe firmare un accordo di libero scambio EEU al vertice.

La Russia inoltre è fortemente coinvolta nell’industria petrolifera e del gas africana, ma ha anche investito in infrastrutture, con Mosca che fornisce attrezzature ferroviarie all’Egitto e sviluppa impianti di produzione su base continentale. Pagine Esteri

*https://www.intellinews.com/russia-preparing-for-second-africa-summit-to-build-closer-ties-as-it-pivots-away-from-the-west-247188/?source=russia