Autore: redazione

ARCHEOLOGIA E POLITICA. Il caso di Silwan a Gerusalemme (1)

Silwan non è considerato dalle autorità israeliane un quartiere in cui vivono 59.000 palestinesi ma la zona dove Re Davide avrebbe costruito il suo palazzo. II racconto della Bibbia viene utilizzato per rivendicare il diritto a poter insediare coloni, con la conseguente requisizione o demolizione di abitazioni dei palestinesi che vivono nel timore di perdere le proprie case. Pagine Esteri vi propone una delle ricerche su questi temi realizzate dalla Onlus COSPE di Firenze.

Leggi di più

ANALISI. In Tunisia e Sudan è ritorno alle dittature. All’Occidente va bene

La transizione democratica è in ritirata sia in Tunisia che in Sudan dove i leader attuali stanno rapidamente ripristinando vecchie forme di governo autocratiche. E il presunto “mondo civilizzato” guidato dagli Stati Uniti di Joe Biden a parole è a favore della democrazia e delle riforme ma poi ritiene che quanto accade sia “un passo nella giusta direzione”.

Leggi di più

STORIA. Nakba: come sono state nascoste le prove dell’espulsione degli arabi nel 1948

Dall’inizio dello scorso decennio, le squadre del Ministero della Difesa israeliano hanno setacciato archivi locali e rimosso i reperti di documenti storici per nascondere le prove della Nakba, la “catastrofe” per centinaia di migliaia di palestinesi fuggiti o espulsi dalla loro terra. Su questo tema Pagine Esteri propone alla vostra attenzione parti dell’inchiesta pubblicata nel 2019 dal quotidiano israeliano Haaretz.  

Leggi di più