di Kali Rubaii*

Pagine Esteri, 6 ottobre 2021In Iraq, i difetti alla nascita sono un’incarnazione visibile della duratura eredità tossica che le guerre avvenute in quel paese lasciano alle generazioni future e l’ambiente. La pagina Facebook dei difetti congeniti registrati nell’ospedale di Falluja, dove il personale medico cataloga i casi, rivela una sorprendente diversità e quantità di anomalie congenite. [1] I bambini a Falluja nascono con idrocefalia, palatoschisi, tumori, teste allungate, arti troppo cresciuti o corti e orecchie e spine dorsali malformate.

Le segnalazioni di casi sono brevi e spesso incorporano prognosi come “incompatibile con la vita” o “nato morto”. A volte viene inclusa anche la storia riproduttiva della madre. Sebbene la maggior parte di questi bambini non sopravviva, alcuni vivono per settimane, mesi o anni, spesso soffrendo e con gravi disabilità.

Samira Alaani, pediatra del Falluja General Hospital, è tra i numerosi medici che hanno iniziato a notare una vasta gamma di difetti alla nascita non comuni tra i bambini partoriti dopo l’inizio dell’occupazione statunitense nel 2003. Non solo le malformazioni alla nascita erano numerose ma anche nuove e di tipo insolito. Alaani e i suoi colleghi sono stati tra i primi a lanciare l’allarme internazionale pubblicando rapporti che documentano l’alto tasso di difetti alla nascita osservato negli ospedali di Falluja e Bassora. Nel 2013, Alaani ha dichiarato in un’intervista alla BBC: “Abbiamo iniziato a registrare questi casi nell’ottobre 2009 e abbiamo stabilito che 144 bambini nascono con una deformità ogni 1000 nati vivi. Crediamo che debba essere correlato alla contaminazione causata dai combattimenti nella nostra città, anche adesso, quasi dieci anni dopo. Non è unico a Falluja; gli ospedali in tutto il Governatorato di Anbar e in molte altre regioni dell’Iraq stanno registrando aumenti vertiginosi“. [2]

La pagina Facebook dei difetti alla nascita dell’ospedale di Falluja aperta nel 2011, pubblica questi casi per un motivo. I corpi dei bambini diventano la prova di una storia molto più ampia sull’eredità tossica della guerra in Iraq. Il paese ha subito decenni consecutivi di guerre, campagne di bombardamenti, incendi, sanzioni e altri interventi militari che hanno frantumato le infrastrutture pubbliche necessarie per la salute e il benessere e innescato anche importanti ricadute di degrado ambientale.

Ecologia di guerra

Gli ambienti che portano le cicatrici della violenza politica – e la cui conservazione in qualche forma serve come testimonianza di tale violazione – sono chiamati ecologie probatorie. [3] I difetti congeniti in Iraq fanno parte di un’ecologia probatoria della guerra portata all’attenzione attraverso le pratiche di archiviazione e documentazione.

Quando studiosi e medici iracheni catalogano le incidenze di difetti alla nascita e notano che i loro tassi superano quello di Hiroshima, o quando gli epidemiologi conducono studi per contrassegnare dove, quando e come una popolazione registra difetti alla nascita, evidenziano le connessioni tra militarismo e salute pubblica, disuguaglianze globali e razzismo ambientale. [4] Majid, un medico che cura i bambini con difetti cardiaci a Falluja, ha detto in un’intervista: “Quando le persone vedono difetti alla nascita, non si può evitare il problema. Quelle malformazioni dicono: qui c’è qualcosa che non va”.

Applicato al Medio Oriente, il termine ecologia della guerra si riferisce spesso ad ambienti trasformati da decenni di intenso militarismo. In Libano, Iraq, Afghanistan, Palestina e Siria, tali ecologie non sono sempre effetti collaterali accidentali delle operazioni militari piuttosto sono componenti centrali della strategia militare. [6] Ad esempio, il presidente iracheno Saddam Hussein ha prosciugato le paludi dell’Iraq meridionale come tattica di controinsurrezione diretta per sopprimere i Marsh Arab (Arab al-Ahwār), che ha accusato di slealtà durante la guerra Iran-Iraq (1980-1988). [7] Quando le paludi irachene sono poi state allagate in nome del ripristino ecologico dopo il 2003, ciò rientrava in una più ampia ristrutturazione dell’ambiente e dell’economia irachena, insieme ad altri meccanismi di controllo spaziale come l’uso di pareti a T (muri di cemento portatili). [8]

Al di là delle deliberate trasformazioni spaziali e sociali, l’inquinamento chimico plasma anche le ecologie belliche irachene. Mentre vivevo e lavoravo con famiglie di agricoltori sfollati interni della provincia di Anbar nel 2014 e nel 2015, ho notato colture vegetali e bestiame con parti malformate. Molti agricoltori tenevano fotografie e raccontavano storie di sistemi di irrigazione distrutti, acqua contaminata e suolo ipersalinizzato. L’infertilità, i tumori e i difetti alla nascita hanno impedito a molti di loro di avere e crescere figli sani. Hanno descritto le malformazioni congentite come una delle conseguenze del danno ambientale a cui hanno assistito in tutti gli aspetti della loro vita.

Molti iracheni descrivono queste malattie ambientali persistenti come intenzionali. Ahmed, il padre di un bambino morto poche ore dopo la sua nascita, mi ha detto: “Gli americani volevano questo. Se non lo avessero fatto, si sarebbero ripuliti dalle loro guerre. Ci hanno fatto morire di fame durante le sanzioni; ora ci stanno avvelenando”. [9] Quando Ahmed parla di essere stato avvelenato, si riferisce sia alla vita duratura dei residui di guerra tossici abbandonati nel paesaggio iracheno, sia alla distruzione delle risorse necessarie per far fronte alle crisi della salute pubblica.

L’intervento militare statunitense ha gravemente danneggiato le infrastrutture irachene che sostengono la sopravvivenza umana, specialmente con l’invasione iniziale nel 2003 e successivamente durante l’occupazione (2004–2011). Aderendo a una strategia “shock and awe”, gli Stati Uniti hanno lanciato 800 missili da crociera entro le prime 48 ore dall’invasione nel marzo 2003, più del doppio del numero di missili lanciati nell’intera Guerra del Golfo. [10] Solo tra il 2002 e il 2005, le forze armate Usa hanno sparato 6 miliardi di proiettili, circa 200.000-300.000 proiettili per individuo ucciso in Iraq. [11] Questo numero di proiettili, pieni di piombo e mercurio, non include ordigni bellici più grandi o resti di metallo dopo il 2005 o di guerre precedenti: la guerra Iran-Iraq (1980-1988), la prima guerra del Golfo (1990-1991), l’era delle sanzioni (1991-2003) e l’occupazione del 2003 che ha dato il via a un ulteriore decennio di guerra di milizie. Il più recente intervento militare in Iraq è stato accompagnato da un abbandono e da una combustione di rifiuti senza precedenti: carcasse di veicoli, armi abbandonate, indumenti buttati via e molto altro sono stati lasciati nella terra, nell’acqua o nell’aria dell’Iraq.

Dato tutto ciò, non sorprende che abbondino l’alta diffusione di tumori e le anomalie congenite, insieme ad altri importanti problemi per la salute della popolazione civile. Le risorse mediche per far fronte a tumori e difetti alla nascita sono anche influenzate dagli effetti duraturi della guerra totale: il prendere di mira un’intera popolazione e il suo ambiente, piuttosto che le sole installazioni militari. Gli ospedali di Falluja, ad esempio, sono stati ripetutamente colpiti da più entità, inclusi gli Stati Uniti nel 2008 e dal governo iracheno nel 2014 e nel 2015 [12]. Inoltre, i medici scarseggiano, poiché molti sono stati assassinati dalle milizie o sfollati a causa di minacce alle loro famiglie: nel 2008, appena 9.000 medici vivevano e lavoravano ancora in Iraq. [13]

Eredità tossiche

Sono stati eseguiti specifici tentativi epidemiologici di individuare le cause dei difetti alla nascita in Iraq. Studi a Falluja, che ha subito ingenti danni durante gli assalti negli Stati Uniti tra il 2004 e il 2008, mostrano un alto tasso di malformazioni congenite (15% di tutte le nascite), tassi più alti del previsto di cancro e morte infantile. Nel 2010, Chris Busby, uno scienziato britannico che studia gli effetti sulla salute delle radiazioni, ha pubblicato una ricerca che mostra un aumento di 12 volte del cancro infantile a Falluja dagli attacchi del 2004 [14].

Un altro studio ha rilevato che i neonati iracheni con difetti alla nascita avevano un livello di piombo tre volte superiore e un livello di mercurio sei volte superiore rispetto alla media, ad esempio, dei bambini iraniani, che hanno tracce di piombo e mercurio leggermente superiori rispetto ai paesi europei. [15] Nel villaggio iracheno di Hawija, i livelli di magnesio e titanio nei bambini con difetti alla nascita erano quasi il doppio della media dei loro omologhi in Iran, mentre livelli allarmanti di cadmio e arsenico sono stati trovati in campioni prelevati da bambini con sintomi di paralisi cerebrale. Questi metalli possono spiegare un gran numero di problemi neurologici e sottosviluppo nei feti. [16]

L’uranio impoverito è uno dei contaminanti più discussi in relazione ai difetti alla nascita. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un rapporto nel 2003 intitolato “Potential Impact of Conflict on Health in Iraq”, che afferma come l’uranio impoverito potrebbe essere correlato a segnalazioni di aumento dei tumori, difetti alla nascita, problemi di salute riproduttiva e malattie renali nella popolazione irachena dal 2003.

foto di Julianne Showalter, U.S. Air Force.

Le basi statunitensi in Iraq hanno utilizzato fosse di combustione all’aperto per incenerire di tutto, dai computer ai pneumatici, che hanno bruciato giorno e notte per anni. Gli attivisti internazionali hanno accusato il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti di negligenza per aver utilizzato armi in Iraq che diffondono residui tossici dove vivono i civili, coltivano cibo e attingono acqua. Studi su veterani americani colpiti dal fuoco amico con schegge di uranio impoverito, hanno dimostrato i collegamenti tra l’uranio e le trasformazioni degli ormoni riproduttivi, inclusa l’infertilità. [17] I pozzi di combustione sono anche collegati alle malattie dei veterani statunitensi. [18] Tra gli iracheni che vivono vicino ad essi continuano ad emergere gravi conseguenze per la salute a lungo termine e intergenerazionale. Ad esempio, alcuni bambini nati nei pressi della base aerea di Tallil hanno avuto problemi neurologici, malattie cardiache congenite, arti paralizzati o mancanti. Più sono vicini alla base, più alto è il livello di incidenza. [19]

Le ecologie della guerra non sono tutte uguali, né lo sono le loro implicazioni. Condizioni ambientali specifiche determinano l’esposizione alle tossine di guerra. Ad esempio, le tempeste di polvere in Iraq sono comuni, così come il calore estremamente elevato, che aumenta la distribuzione delle tossine. Una storia di sanzioni e di guerre a lungo termine plasma il modo in cui la comunità medica irachena è attrezzata per documentare e rispondere a una crisi di salute pubblica. [20]

The Body Count

Più passa il tempo e più diventa difficile attribuire direttamente alla guerra danni fisici, anche se gli effetti aumentano. Quasi tutti quelli che ho incontrato in Iraq hanno identificato l’alta prevalenza di difetti alla nascita come un fenomeno post-2003 direttamente correlato alla guerra. Molte donne hanno descritto di aver avuto figli sani prima del 2003 e successivamente aborti spontanei o bambini malformati. Non era raro che una famiglia mettesse in fila i propri figli in base all’età in modo da poter assistere alla linea visibile del prima e del dopo l’invasione degli Stati Uniti.

Nella mia intervista con Majid, ho appreso che molti medici ora consigliano alle donne con una storia di nascite con malformazioni di smettere di concepire i bambini. In un paese in cui l’interruzione delle gravidanze rimane illegale e dove le risorse per la ricerca, i test e le cure sono limitate, le donne affrontano una vita di perpetuo tumulto fisico ed emotivo mentre portano e partoriscono ripetutamente bambini che non possono sopravvivere. Alcune delle donne della provincia di Anbar con le quali ho vissuto e lavorato, erano fortemente convinte che escludere la possibilità di riproduzione fosse una prova delle intenzioni genocide degli Stati Uniti. Dina, che ha subito diversi aborti spontanei, ha espresso il desiderio che i suoi figli abortiti siano annoverati tra coloro che sono morti in guerra. “Ma naturalmente”, ha osservato, imitando sarcasticamente la voce di un uomo americano, “Gli Stati Uniti non tengono il conto dei morti!” [21]

Come scrive Omar Dewachi, le tossiche eredità del militarismo ci chiamano a “espandere le nostre prospettive analitiche per ripensare a cosa includerebbe un archivio della storia della guerra”. [22] Certamente, in Iraq, un archivio di guerra include i corpi di bambini le cui forme e il cui futuro sono irrimediabilmente plasmati dall’ecologia bellica irachena. Pagine Esteri

 

*Kali Rubaii è una assistente professoressa di antropologia alla Purdue University.

 

 

Note di fine pagina

[1] Pagina Facebook dei difetti alla nascita dell’ospedale di Fallujah: https://www.facebook.com/fallujahhospital2012/

[2] BBC, Doctors in Basra Report Rise in Birth Defects; 21 marzo 2013.

[3] Kristina Lyons, Chemical Warfare in Colombia, Evidentiary Ecologies and Senti-Actuando Practices of Justice, Social Studies of Science, 48/3 (2018).

[4] Patrick Cockburn, Toxic Legacy of US Assault on Falluja;Worse than Hiroshima, The Independent, 24 luglio 2010.

[5] Majd è uno pseudonimo. Intervista dell’autore, Iraq, primavera 2015.

[6] Vasiliki Touhouliotis, Seme debole e terra avvelenata: violenza lenta e infrastrutture tossiche della guerra nel Libano meridionale;, Environmental Humanities 10/1 (1 maggio 2018). Drake Logan, Toxic Violence: The Politics of Militarized Toxicity in Iraq and Afghanistan, Annals of the Association of American Geographers 101/3 (2011). Andre Vltchek; The Ecology of War: Imperial Power, Permanent Conflict and Disposable Humans, Ecologist, 28 aprile 2017.

[7] Ariel Ahram, Development, Counterinsurgency, and the Destruction of the Iraqi Marshes, International Journal of Middle East Studies 47/3 (agosto 2015).

[8] Kali Rubaii, Tripartheid: How Sectarianism Became Internal to Being in Anbar, Iraq, Political and Legal Anthropology Review, 42/1 (11 aprile 2019).

[9] Ahmed è uno pseudonimo. Osservazione partecipante dell’autore in Iraq, primavera 2015.

[10] Catherine Lutz e Andrea Mazzarino, eds. Guerra e salute: le conseguenze mediche delle guerre in Iraq e Afghanistan (New York: NYU Press, 2019).

[11] Andrew Buncombe, Gli Stati Uniti hanno costretto a importare proiettili da Israele mentre le truppe ne usano 250.000 per ogni ribelle ucciso, indipendente, 10 gennaio 2011.

[12] Ross Caputi, Richard Hill, Donna Mulhearn, The Sacking of Fallujah: A People’s History (Amhearst: University of Massachusetts Press, 2019). Human Rights Watch: Government Attacking Fallujah Hospital, 27 maggio 2014.

[13] Merrill Singer e Derrick Hodge, The War Machine and Global Health: A Critical Medical Anthropological Examination of the Human Costs of Armed Conflict and the International Violence Industry (Rowman e Littlefield, 2010) p. 138. Sadeer Al-Kindi,Violence Against Doctors in Iraq, The Lancet, 13 settembre 2014.

[14] Chris Busby, Cancro, mortalità infantile e rapporto tra i sessi alla nascita a Falluja, Iraq 2005-2009, International Journal of Environmental Research: Public Health 7 (2010).

[15] Al-Sabbak, Contaminazione da metalli e epidemia di difetti congeniti alla nascita nelle città irachene, Bulletin of Environmental Contamination and Toxicology 89 (2012).

[16] Mozghan Savabieasfahani, Environmental Poisoning of Iraq: Why Academics Must Speak Out, Turner Auditorium, University of Washington, 24 ottobre 2014.

[17] Patricia Doyle, Reproductive Health of Gulf War Veterans, Philosophical Transactions of the Royal Society of London, Series B, Biological Sciences 361 (1468), 24 marzo 2006.

[18] Kenneth LacLeish e Zoe Wool,US Military Burn Pits and the Politics of Health, Medical Anthropology Quarterly (1 agosto 2018).

[19] Mozghan Savabieasfahani,Vivere vicino a una base militare statunitense attiva in Iraq è associato a torio dei capelli significativamente più alto e maggiore probabilità di anomalie congenite nei neonati e nei bambini, Inquinamento ambientale 256 (gennaio 2020).

[20] Joy Gordon, The Enduring Lessons of the Iraq Sanctions, Middle East Report 294 (primavera 2020).

[21] Dina è uno pseudonimo. Intervista dell’autore, Iraq, 2014.

[22] Omar Dewachi, Iraqibacter and the Pathologies of Intervention, Middle East Report 290 (primavera 2019).

Questo articolo è stato pubblicato in origine da MERIP  https://merip.org/2020/09/birth-defects-and-the-toxic-legacy-of-war-in iraq/#:~:text=Toxic%20Legacies&text=The%20World%20Health%20Organization%20released,the%20Iraqi%20population%20since%202003.

 

Pagine Esteri Newsletter ✉️

Ogni settimana approfondimenti su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

close

Pagine Esteri Newsletter ✉️

Ogni settimana gli approfondimenti su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo

Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Spring Edizioni nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetti di ricevere questa newsletter e sai che puoi annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.