della redazione –

Pagine Esteri, 25 maggio 2022 – Il fattore più importante che ha portato al crollo dell’esercito afghano nell’agosto dello scorso anno è stata la decisione degli Stati Uniti di ritirare le forze miltari e i contractor (appaltatori privati) dall’Afghanistan dopo l’accordo con i Talebani firmato dall’amministrazione Trump e attuato dall’amministrazione Biden. Sono queste le conclusioni di un rapporto presentato nei giorni scorsi da un watchdog statunitense.



Il ritiro ha “distrutto” il morale dell’esercito afghano che dipendeva dal sostegno militare statunitense, secondo la valutazione dell’Ispettore generale speciale per la ricostruzione dell’Afghanistan, noto come SIGAR, un organismo creato dal Congresso.

“SIGAR ha scoperto che il fattore più importante nel crollo dell’ANDSF (Forze di difesa e sicurezza nazionali afgane) nell’agosto 2021 è stata la decisione degli Stati Uniti di ritirare le forze militari e gli appaltatori dall’Afghanistan attraverso la firma dell’accordo USA-Talebani nel febbraio 2020 sotto l’amministrazione Trump, seguito dall’annuncio del ritiro definitivo fatto dal presidente Biden nell’aprile 2021”, si legge nel rapporto.

Durante il mandato di Donald Trump, gli Usa hanno stretto un accordo con i Talebani per ritirare tutte le forze americane. Dopo la firma dell’accordo, il supporto militare statunitense alle forze afghane è progressivamente diminuito, con un calo anche degli attacchi aerei nel 2020 dopo un livello record dell’anno precedente, aggiunge il rapporto.

“La limitazione dei raid aerei (contro le forze avversarie) dopo la firma dell’accordo Usa-Talebani, ha lasciato l’ANDSF senza un vantaggio chiave”, ha spiegato John Sopko, a capo di SIGAR. “Molti afgani – ha aggiunto – pensavano che l’accordo USA-Talebani fosse un atto di malafede e un segnale che gli Stati Uniti stavano consegnando l’Afghanistan al nemico e che si precipitavano a lasciare il paese”, ha detto Sopko.

Truppe afghane in addestramento

Washington, ha scritto nel rapporto Sopko, aveva messo in piedi l’ANDSF come una struttura militare di armi combinate “realizzata a immagine dell’esercito degli Stati Uniti” piuttosto che un esercito di fanteria leggera che l’Afghanistan poteva sostenere in modo indipendente. Ciò richiedeva l’assistenza di consulenti e appaltatori militari americani per aiutare l’ANDSF a gestire la logistica, le riparazioni e il funzionamento di apparecchiature complesse.

Il generale in pensione David Barno ha detto a SIGAR: “Abbiamo costruito quell’esercito per funzionare con il supporto degli appaltatori. Senza di essi non poteva operare. Quando gli appaltatori si sono ritirati è stato come se avessimo tirato fuori tutti i bastoncini dal mucchio di Jenga e ci aspettassimo che rimanesse in piedi”.

In 20 anni, gli Stati Uniti hanno investito quasi 90 miliardi di dollari nello sviluppo dell’ANDSF. Per fare un paragone, si stima che vaccinare il mondo intero contro il COVID-19 costerebbe 50 miliardi di dollari. Fiore all’occhiello delle forze armate afghane sono state le unità d’élite ma nel corso degli anni hanno perduto in parte la loro efficienza perché costrette a compensare l’assenza di un esercito regolare ben addestrato.

Il motivo per cui Washington non ha ottenuto un risultato concreto dal suo massiccio investimento nell’ANDSF è in parte dovuto allo sforzo di costituire da zero un esercito organizzato come una forza armata combinata. Sforzo che si è rivelato insufficiente perché, secondo SIGAR, avrebbe richiesto un investimento persino più ampio da proiettare nel corso di decenni successivi.

I Talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan ad agosto 2021 quando l’ex governo appoggiato dall’Occidente è crollato a una velocità sorprendente e le ultime truppe statunitensi si sono ritirate. Biden ha sostenuto che la guerra in Afghanistan doveva essere portata a termine dopo 20 anni di combattimenti che erano costati vite americane, avevano prosciugato risorse e distratto da altre priorità strategiche. Pagine Esteri

Pagine Esteri Newsletter

Ogni settimana notizie su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.