di Michele Giorgio –

Pagine Esteri, 7 novembre 2022 – Le ripercussioni della vittoria di Benyamin Netanyahu e dell’estrema destra alle elezioni israeliane della scorsa settimana, sono ciò su cui si interrogano commentatori e analisti politici.



Si teme il rinfocolarsi della tensione interna in Israele per l’agenda che ha in mente Itamar Ben Gvir, il leader della formazione razzista Sionismo religioso divenuta la terza forza nella Knesset. Ma è reale anche il pericolo di una escalation di violenze nella Cisgiordania occupata.

L’analista Meron Rapaport spiega le ragioni del successo di Ben Gvir e le possibilità che avrà di attuare il suo programma il leader di estrema destra.