Pagine Esteri, Catania 22 giugno 2021 – Tra i 20 Paesi coinvolti nel G20 molti, come l’Arabia Saudita, sono accusati di gravi violazioni dei diritti umani. Nonostante i loro capi di Stato si lascino fotografare sorridenti fianco a fianco, spesso nella realtà si scontrano direttamente o indirettamente, attraverso il sostegno militare e la fornitura di armi. Completamente assenti, invece, i Paesi in via di sviluppo, che tentano di mettere in discussione i modelli economici imposti loro proprio dagli Stati riuniti nel G20, modelli che li condannano al sottosviluppo e alla subalternità. L’audio intervista ad Antonio Mazzeo*.

 



 

*Antonio Mazzeo è un giornalista ecopacifista e antimilitarista che scrive della militarizzazione del territorio e della tutela dei diritti umani. Con Antonello Mangano, ha pubblicato nel 2006, Il mostro sullo Stretto. Sette ottimi motivi per non costruire il Ponte (Edizioni Punto L, Ragusa). Del 2010 è il suo I Padrini del Ponte. Affari di mafia sullo stretto di Messina (Edizioni Alegre).
 

Pagine Esteri Newsletter

Ogni settimana notizie su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.