di Michele Giorgio – 

Pagine Esteri, 14 luglio 2021 – Il pugno di ferro delle forze di sicurezza dell’Autorità Nazionale non ha scoraggiato i tanti palestinesi che protestano per l’uccisione di Nizar Banat, un oppositore del presidente Mahmud Abbas (Abu Mazen), pestato brutalmente durante il suo arresto il mese scorso. E resta alto lo sdegno per gli abusi e le molestie compiute a Ramallah da agenti dell’intelligence palestinese sulle donne che hanno partecipato alle manifestazioni.

 

 

Pagine Esteri Newsletter ✉️

Ogni settimana approfondimenti su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

close

Pagine Esteri Newsletter ✉️

Ogni settimana gli approfondimenti su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo

Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Spring Edizioni nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetti di ricevere questa newsletter e sai che puoi annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.