di Michele Giorgio – 

Pagine Esteri, 14 luglio 2021 – Il pugno di ferro delle forze di sicurezza dell’Autorità Nazionale non ha scoraggiato i tanti palestinesi che protestano per l’uccisione di Nizar Banat, un oppositore del presidente Mahmud Abbas (Abu Mazen), pestato brutalmente durante il suo arresto il mese scorso. E resta alto lo sdegno per gli abusi e le molestie compiute a Ramallah da agenti dell’intelligence palestinese sulle donne che hanno partecipato alle manifestazioni.



 

 

Pagine Esteri Newsletter

Ogni settimana notizie su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.