Pagine Esteri, 15 ottobre 2021 – Sdegno per l’annullamento del processo per il brutale omicidio dello studente italiano avvenuto al Cairo all’inizio del 2016 e attribuito ai servizi segreti del regime di Abdel Fattah el Sisi. Dopo 7 ore di camera di consiglio, i giudici hanno deciso che il dibattimento non può avere inizio perché non esiste la prova che i 4 imputati conoscano l’esistenza del processo a loro carico. Un “eccesso di garantismo” che si aggiunge alla linea ambigua verso l’Egitto mantenuta dai governi italiani in questi cinque anni, ci spiega l’analista Antonio Mazzeo.

 



 

 

Pagine Esteri Newsletter

Ogni settimana notizie su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.