di Michele Giorgio – 

Pagine Esteri, 3 ottobre 2022 – Il ballottaggio a fine mese deciderà chi sarà il presidente del Brasile.



Il progressista Lula che vuole riportare il paese sulla strada della democrazia o il contestato Bolsonaro autore di politiche considerate da molti un attacco alla legalità ma sostenuto ancora dalla classe media, dalla piccola imprenditoria e dalla influente comunità cristiana evangelica.

A spiegarci l’esito del voto d 2 ottobre è Pasquale Pugliese, un operatore economico italiano da diversi anni residente in Brasile e un osservatore della realtà politica e sociale del paese.