di Mishell Mantuano

Traduzione a cura di Davide Matrone

Pagine Esteri – 12 ottobre 2021 – L’Ecuador è uno dei paesi con le cifre più elevate per la violenza di genere: circostanze culturali, società patriarcale, sessista, misogina, questioni politiche e persino socioeconomiche costituiscono prevalentemente l’immaginario della supremazia di genere. Secondo dati ufficiali su ogni dieci donne, sei hanno subito o subiscono qualche tipo di violenza: psicologica, fisica, patrimoniale o sessuale.

Nel 2007 è stato creato il Piano per l’eliminazione della violenza contro le ragazze, gli adolescenti e le donne. Con l’obiettivo principale di generare politiche che prevengano la violenza e che forniscano protezione alle vittime, garantendo la sanzione per gli autori dei crimini.

Nonostante nel 2008 la Costituzione abbia stabilito nel suo articolo 66 che l’Ecuador è uno Stato di diritti e che quindi tutte le persone devono godere della loro piena libertà senza subire alcun tipo di violenza, per le donne la situazione è molto più complessa. Per questo, migliaia di loro creano organismi di protezione per raggiungere l’obiettivo principale: la completa eliminazione della violenza di genere.

I cortei e le proteste sono forme di manifestazione che migliaia di donne hanno adottato per chiedere protezione dallo Stato e le garanzie di libertà e la fine della violenza.

In una recente intervista Ana Cristina Vera, direttrice dell’ONG Surkuna e membro del collettivo “Vive ci amiamo” dell’Ecuador, assicura che la violenza è diventata qualcosa di quotidiano e ampiamente diffuso. Inoltre, i dati ufficiali compilati da UN Women in Ecuador stimano che una donna su quattro ha subito violenza sessuale e che sul totale di coloro che hanno subito violenza, nel 69,5% dei casi sono stati coinvolti i loro partner attuali o precedenti (DW, 2019).

Le donne si sono abituate talmente tanto la violenza da non poterla identificare e tanto meno denunciarla, questo fa sì che si generi una “cultura della violenza”, la stessa che si riflette nelle molestie per strada, nei mezzi pubblici, nel parco, in banca e in casa.

Queste forme di violenza strutturale si concludono in molti casi con il femminicidio.

Secondo i dati pubblicati dalla Fondazione Aldea, in Ecuador, tra il 2014 e il 2020 ci sono stati 849 femminicidi. Guayas, Pichincha e Manabi sono le province con il maggior numero di casi: in totale 414 vittime. Seguono Sucumbíos, Orellana e Santo Domingo, dove si registra anche un alto tasso di incidenza di femminicidi (ALDEA, 2021).

Da gennaio a marzo 2021 sono stati registrati 20 femminicidi, il 92% commessi da parenti stretti nelle province di Guayas, Manabí, Azuay, Chimborazo, Los Ríos e Sucumbíos. Nella maggior parte dei casi (45%), le donne avevano un’età compresa tra i 25 ei 39 anni. Il 70% di loro erano madri che hanno lasciato orfani almeno 11 minori. Nel 40% dei casi, le donne avevano denunciato una storia di violenza alle istituzioni competenti e 2 di loro avevano addirittura un ticket di soccorso (ALDEA, 2021).

Queste cifre indicano quanto sia difficile combattere con il sistema giudiziario del paese, un sistema di protezione che continua a fallire nei confronti delle donne vittime di violenza, mentre l’impunità per i crimini continua a essere di norma in Ecuador.

Abbiamo scelto di parlare del caso di Nicole Echeverría Jiménez, una ragazza di 22 anni vittima di uno stupro di gruppo e di un femminicidio, al quale avrebbero partecipato 7 persone, tra cui una donna di 44 anni. Il delitto è successo nel novembre 2018 a Quito e in queste settimane la sua storia è ritornata alla ribalta per il dibattimento processuale.

Per approfondire il caso di Nicole, abbiamo parlato con la zia Doris Jiménez, fondatrice di Casa Sofia che combatte gli abusi contro le donne:

“Le morti violente lasciano un’eredità d’amore trasformata in dolore, indignazione e molti altri sentimenti. L’eredità dell’amore è per chi è morto, ma il camminare è per chi resta. Raccontare queste morti significa raccontare anche la tristezza dei parenti che non hanno ancora ottenuto giustizia, l’indignazione nel vedere riaperta una scuola dove è stata uccisa una ragazza, con la consapevolezza che c’è ancora molto fare. Per chi subisce una perdita così grave, l’importante non è come sono morti o come sono scomparsi, e non è nemmeno il processo, bensì cosa fai dopo il femminicidio e come generi con la tua vita una nuova alternativa per il mondo.

Al di là del femminicidio, si incontra anche la gentilezza, si incontrano persone che sanno perdonare davvero, ma perdonare non significa non cercare giustizia, che non si fraintenda. Si cerca giustizia perché bisogna essere la voce degli assenti e tutelarli da un sistema che non è finalizzato alla sicurezza e alla protezione, per evitare la rivittimizzazione.

La morte di Nicole ha il suo precedente sia in Ecuador che in altri Paesi. C’è davvero poca consapevolezza di ciò che accade dopo il femminicidio e come si gestiscono queste situazioni inaspettate. È straziante, non è facile e ci vuole molto coraggio.

Ricordo che l’8 marzo 2019 c’è stata la prima marcia in nome di Nicole, a 4 mesi dalla sua morte. Avevo già incontrato mia sorella Monica, alcune organizzazioni tra cui Surkuna e Luna Rossa, un gruppo di avvocati e attivisti sociali che difendono i diritti umani e di genere. Insieme abbiamo trovato sentimenti di calore umano dai compagni che ci hanno guidato e incoraggiato, ci hanno indirizzato quando non sapevamo cosa fare. Poi, abbiamo incontrato la piattaforma “Vivas we love l’un l’altro” e ho fatto la mia prima marcia con loro, abbiamo incontrato gli abbracci, le parole di consolazione che hanno trasformato il dolore in una grande forza.

Siamo stati in grado di avanzare rapidamente nel processo grazie al lavoro legato alle organizzazioni sociali.

Eppure così, il sistema giudiziario non è giusto, si ritardano i processi, ci sono sentenze ingiuste, o semplicemente non si gestiscono bene i tempi. Non ti permettono di vivere il dolore come dovrebbe essere vissuto.

Questo sistema deve cambiare per proteggere chi resta e chi scompare” conclude Doris.

 

 

Pagine Esteri Newsletter ✉️

Ogni settimana approfondimenti su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

close

Pagine Esteri Newsletter ✉️

Ogni settimana gli approfondimenti su Africa, Medioriente, Mediterraneo, Mondo

Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Spring Edizioni nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetti di ricevere questa newsletter e sai che puoi annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.